La Nostra Storia .....Rosso Blu' dal 1946 !!!

Tor Di Quinto Calcio

La quotidianità povera ma gioiosa del calcio incominciava a prendere piede e a allontanare le ceneri e le macerie desolanti del conflitto grazie alla figura di Vittorio Testa, fondatore della società, con un passato calcistico decennale nella Lazio di Silvio Piola, figura di grande uomo di sport venuta a mancare negli anni novanta.el lontano 1946, in una zona di estrema periferia della capitale tra Ponte Milvio e Tor di Quinto, la sezione rionale del Partito Comunista Italiano decise di fondare una società sportiva di calcio per buttare alle spalle un triste passato di guerra e ricominciare a vivere partendo proprio dai ragazzi e dai bambini che sono e rappresentano da sempre la speranza per il futuro: vedeva la luce la Rinascita Tor di Quinto, che allora si allenava e giocava sul campo "Lipartiti".

Nel 1958 la società, ormai divenuta realtà stabile per il quartiere, prende il nome di U.S. Tor di Quinto, trasferendosi qualche anno dopo, e precisamente nel 1962, al campo "Berti" che sarà la sede della società sportiva per oltre vent'anni. Dopo i primi anni di sacrificio per la mancanza di strutture adeguate, superati grazie alla costanza e all'abnegazione di tutta la società, il Tor di Quinto inizia a crescere diventando a mano a mano una società sempre più grande ed affermata che ha bisogno di spazio. Nasce così l'idea di acquisire la proprietà della sede attuale, allora gigantesco appezzamento di terreno abbandonato a sé ed adibito a discarica abusiva di tutta la zona, tramite un progetto di riqualificazione del territorio al quale tutto il quartiere di Tor di Quinto aderì con uomini e mezzi. In prima fila nei lavori di pulitura e rimboscamento Massimo Testa e tutta la società, dal primo dei dirigenti all'ultimo dei ragazzi che dopo un duro lavoro riuscirono a vincere la loro sfida: grazie all'impegno di tutti gli sportivi, atleti e dirigenti il Tor di Quinto si stabilirà sul campo "Vittorio Testa" e Via Del Baiardo diverrà la sede definitiva, luogo di tutte le vittorie ottenute dai rossoblu. A struttura acquisita si inizia a lavorare per creare una Società vincente e in quest'opera di costruzione Massimo Testa viene affiancato, nei primi anni 90, da Maurizio Silvestri il cui avvento a via del Baiardo diede grosso impulso al miglioramento del settore giovanile, culminando nella vittoria del titolo italiano juniores nel 1993.

Oggi che il Tor di Quinto è diventato una delle società più blasonate della regione continuando comunque ad essere strettamente legata al territorio, infusa appieno dello spirito originario e accompagnato da una competenza consolidatasi nel tempo, quest'impegno è stato proseguito dal Presidente Massimo Testa che guida una società, quella di Via del Baiardo, che compete alla pari con società professionistiche le cui prime squadre militano nei campionati di massima serie. Non a caso sono molti i nomi illustri che hanno indossato la gloriosa casacca rossoblu quando ancora erano piccoli calciatori in erba: Materazzi, Desideri, Zauli, Quadrini sono solo alcuni dei ragazzini cresciuti a livello caratteriale e battezzati al confronto sportivo nella "grande famiglia" del Tor di Quinto. Una società forte, una mentalità vincente, la tradizione sportiva di ieri che si sposa con la professionalità odierna, fanno del Tor di Quinto una delle più belle realtà calcistiche giovanili, regionali e nazionali.